Critico d'arte – Curatore esterno museo MACA – Acri (Cs)
  • Claudio Polles

1014 – Gianfranco GENTILE – Milano

BLIZ FUTURISTA -MILANO 2014

Gianfranco GENTILE Milano 2014Mostra d’arte alla Galleria Artepassante  Stazione Repubblica del Passante Ferroviario da giovedì 16 Ottobre a domenica 2 Novembre, espone il nostro GIANFRANCO GENTILE e GABRIELLO ANSELMI.

La mostra è curata dall’Associazione LE BELLE ARTI –  107 CentSeptARTE&TERRITORIO  all’interno del progetto Artepassante  e con il contributo di  William B. Coltello

BLITZ FUTURISTA – MILANO 2014 nasce dalla collaborazione tra le associazioni Culturali 107 CentSeptARTE&TERRITORIO di Verona e “le BELLE ARTI” di Milano all’interno del progetto Artepassante e dai loro curatori Gabriello Anselmi, Giovanni Perez e Camillo Dedori, Giulia Minetti.

Una serie d’incontri, che si terranno a Milano nel 2014 e 2015, orientati a sviluppare la conoscenza e l’approfondimento del Movimento Futurista con una particolare attenzione sulla sua attualità nel pensiero contemporaneo.

L’inaugurazione si terrà presso LA GALLERIA ARTEPASSANTE Stazione Repubblica del Passante Ferroviario con l’evento BLITZ FUTURISTA – MILANO 2014 . In mostra le opere dell’architetto e scultore Gabriello Anselmi e dell’artista Gianfranco Gentile.

Il primo sarà presente con “Endoceras”, una “scultura galleggiante”, già presentata  in passato a Toronto, Parigi, Venezia. Un’opera nata per essere collocata nel fiume Adige nel tratto antistante il Teatro Romano di Verona, rivisitazione dell’ipotetico Teatro dell’acqua di epoca romana. Un tema ricorrente per  questo architetto – artista che non scindendo le sua doppia vocazione spesso utilizza l’arte in funzione della riabilitazione del “luogo” rapportandolo alla sua storia e alla sua città.

Gianfranco Gentile, un artista presente in numerose rassegne internazionali e che espone qui alcuni suoi “cartoni”, opere di grandi dimensioni rappresentanti edifici industriali dismessi, pezzi meccanici, vecchie auto abbandonate, che, grazie a una tecnica personale assumono un grande effetto tridimensionale. Opere di alta poesie, monumentali reliquie di archeologia industriale.

Anselmi e Gentile sono due artisti che utilizzano tecniche e generi diversi, ma accomunati dal pensiero che qualsiasi segno rivolto al futuro non possa che passare attraverso il linguaggio del tempo, della storia e della riflessione.

Durante l’inaugurazione si sono svolte due performance.

La prima,  di Angela Belmondo sulle musiche di Stefano Gueresi, presente per l’occasione con il brano “Cromofonofollie” al pianoforte;
la seconda, intitolata SUONO TESSILE – reading tecno-sonoro, è stata creata e recitata da Gianfranco Gentile.

William B. Coltello