Critico d'arte – Curatore esterno museo MACA – Acri (Cs)

0817 – Gillo Dorfles & Co

dorflesNon si sa se con la mostra V.I.T.R.I.O.L. (una figura ricavata dall’acronimo Visita InterioreTerrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem* che ci accompagna in un viaggio misterioso, secondo la tradizione alchemica, all’interno di ciascuno di Noi) tenutasi alla Triennale di Milano nel febbraio 2017, Gillo Dorfles, “mostro sacro” della nostra cultura artistico/estetica, abbia concluso il suo ciclo produttivo in quanto come diceva un altro “mostro sacro” della cultura underground con le mani nella letteratura e nella pittura americana: William Burroughs, ogni libro è un capitolo di un libro più grande che è la vita. Pertanto lo stesso Dorfles che si identifica nella sua figura inconscia di ritratto/autoritratto terminerà la sua produzione con lo spegnersi della sua vita già lunga per i suoi 107 anni compiuti?

In questa mostra Ai Molini, organizzata con l’Associazione Giovani Pittori Spilimberghesi, possiamo vedere in una sala a lui dedicata, una trentina di suoi ritratti/autoritratti disegnati e/o acquarellati in questo ventennio.

Accanto in un’altra sala della galleria civica si potranno vedere un altro gruppo di opere fatte a più mani con il pittore Cesare Serafino di cui Dorfles riporta un lusinghiero giudizio nel suo ultimo libro “Gli Artisti che ho conosciuto” (edito da Skira,a cura di Luigi Sansone,2015) dedicato agli artisti conosciuti nella sua lunga vita. Assieme a dei lavori fatti con i bambini di una scuola primaria la P.P.Pasolini di Pordenone nel 2015. Ed ecco spiegato il perchè del titolo: Gillo Dorfles & Co..

Una mostra curiosa di un protagonista della nostra cultura a cui è stata dedicata una mostra antologica al Macro di Roma Essere nel tempo ( novembre 2015/marzo 2016) ordinata dal prof. Achille Bonito Oliva che teneva conto della sua complessa personalità di critico, estetologo ed artista fondatore del M.A.C. negli anni Quaranta, e grande rappresentante della cultura artistica internazionale con la sua teoria del Kitsch.

La mostra sarà presentata dal curatore Boris Brollo Venerdi 8 Settembre alle ore 18.00

- Seguirà una testimonianza del pittore Cesare Serafino su Gillo Dorfles e le loro pitture a quattro mani, e sulla collaborazione con i bambini della scuola primaria P.P. Pasolini di Pordenone.

- Infine si terrà una lettura di poesie di G. Dorfles tratte dal libro Poesie 1941/1952, editore Campanotto (UD).

Voce narrante Anna Maria Poggioli, Presidente Commissione Pari Opportunità FVG.

Musiche di Andrea del Favero, Direttore artistico Folkest, Spilimbergo.

Visita alla mostra & Vin d’Honneur

La mostra resterà aperta dall’8 sett. al 29 ottobre 2017- Orari info: 0421/277230