Critico d'arte – Curatore esterno museo MACA – Acri (Cs)

Maschera Ideologica

 MASCHERA & MASCHERE

Dal 20 Gennaio al 29 Febbraio
Galleria Comunale di Arte Contemporanea “Ai Molini”
Museo della Città (Torre S. Agnese)
Sala delle Colonne del Palazzo Municipale.

Clara BrascaTono Zancanaro

Se l’ideologia è il complesso di credenze, opinioni, rappresen-tazioni, valori che orientano un determinato gruppo sociale la sua maschera è artificiosa, astratta e generica in quanto deve far identificare in essa la maggior parte del popolo. Diversamente la maschera diventa politicamente ideologica quando attua una satira al potere sia esso parlamentare o dittatoriale.


Clara Brasca

^Vai su

clarabrascaClara Brasca è nata a Milano dove vive e lavora. Si è diplomata al Liceo Artistico di Brera e ha conseguito la Laurea in Architettura al Politecnico di Milano. La sua arte è centrata quasi esclusivamente sulla pittura ad olio su lino, secondo le più antiche tecniche a “velatura”, perchè non è tanto la novità del mezzo ad essere importante, quanto un nuovo pensiero rispetto al linguaggio prescelto.
Il problema della luce e della sua rappresentazione è un punto focale della sua ricerca, che si sviluppa attraverso l’uso di colori non naturalistici e di colori complementari.
I soggetti e i temi dei suoi lavori spaziano dalla figura, al paesaggio, alla natura morta; quindi in una tradizione “classica” (non neoclassica) convinta che il pensiero classico attraversi come un filo rosso tutta la storia della cultura occidentale e che sviluppando questo pensiero si possano dire e fare opere contemporanee al di là di tutte le mode effimere del momento.

clarabrasca_02 clarabrasca_01
Volto
Tecnica mista su carta
cm 56×41, Anno 2008
Volto
Tecnica mista su carta
cm 56×41, Anno 2008

Tono Zancanaro

^Vai su

tonozancanaroAntonio Zancanaro, noto come TONO, nasce a Padova l’8 aprile 1906, e vi muore il 3 giugno 1985. Pittore, grafico, incisore, scultore, mosaicista, litografo… ha esplorato tutte le tecniche delle arti visive. Sue opere sono in alcuni fra i maggiori musei del mondo, come il Victoria and Albert Museum di Londra o il Museo Puskin a Mosca, ed in numerosi musei italiani. Ha esposto in tutto il mondo, vincendo numerosi premi nazionali ed internazionali. Amante della classicità greca e della Sicilia in particolare, è cittadino onorario di Capo l’Orlando (ME) e di altre cinque città. Di sè aveva scritto, fra l’altro, nella autopresentazione della mostra presso il Palazzo dei Diamanti di Ferrara nel 1972/73: “Sono stato e sono, si rapisce, estraneo ai giochi dei clan, gruppi, estetiche, giri di mercato. Ma mai ho dubitato che se il gioco doveva costare la proverbiale candela, consista e consiste nella fiducia verso l’uomo e me stesso nel vivo della vita e della storia dell’uomo e dell’umanità. Essere magari l’ultimo anello, ma della catena che tiene legata l’umanità che io chiamo umana. Questa è stata ed è la mia resistenza di uomo prima di tutto, di artista infine. Forte come credo di essere per aver affondato le mie radici nel mondo ellenico, ultimo e primo approdo che non esclude davvero la grande civiltà e terra cinese, il nostro rinascimento, la recente storia dell’umanità che lotta per l’uomo figlio e padrone della ragione.” Fu amico di poeti e pittori come Eugenio Montale e Renato Guttuso.

 

tonozancanaro_02 tonozancanaro_01
Gibbo
China a tratto
mm 320×240, Anno 1945
Gibbo il grande à la spada dell’Islam
China a tratto
mm 274×332, Anno 1945