Critico d'arte – Curatore esterno museo MACA – Acri (Cs)
  • Claudio Polles

Biografia Santorossi

SantorossiSantorossi è nato a Treviso. Si è sempre interessato ai problemi della comunicazione per immagini, compiendo studi sui materiali e sul rapporto tra segno ed espressione grafica. Dipinge dal 1970. Verso la metà degli anni ’80 ha cominciato a sperimentare una nuova tecnica fondata sulle proprietà di uno speciale materiale plastico e sull’uso dei supporti e accessori di produzione industriale.

Ne è scaturito un linguaggio espressivo del tutto inedito che ha perfezionato in una lunga serie di applicazioni a temi seriali. Nel 1990 ha approfondito la dimensione concettuale del lavoro con particolare riferimento ai rapporti tra immagine, didascalia e loro interpretazione.

Nel 1993 ha realizzato una ricerca sui miti canoviani, che gli è valsa l’invito, tramite il Centro per la Cultura e le Arti Visive “Le Venezie”, alla XLV Biennale di Venezia.

Nel 1994 è invitato a esporre al Palazzo delle Arti di Pechino in seno alla manifestazione Artisti conterranei di Marco Polo. Nel 1996 viene selezionato dal critico Luigi Lambertini per partecipare alla Biennale d’Arte Contemporanea Premio Marche. Nel 1998 è inserito nella 1a Biennale d’Italia d’Arte Contemporanea Trevi Flash Art Museum. Nel 2000 partecipa alla mostra itinerante Libertà tra arte e trasgressione che tocca le città australiane di Sidney, Melbourne, Camberra, Perth, Brisbane, Adelaide e Hobarth. Nel 2002 risulta vincitore del 1° Premio del VI Premio Internazionale di Pittura Città di Laives. Nel 2004 e nel 2005 partecipa al Premio Celeste (San Gimignano, Siena) e viene segnalato nella pubblicazione a cura di Gianluca Marziani.

Nel 2008 è protagonista della grande mostra monografica annuale allestita nel castello di Pergine Valsugana, nell’ambito di manifesta 7.
Nel 2009 Luciano Caramel lo invita ad esporre nella mostra Porto d’Arti, evento collaterale della 53ma Biennale di Venezia.
Numerose le sue presenze in Fiere e manifestazioni culturali in Italia e all’estero. Molte le mostre personali tra cui: Palazzo Lomellini di Carmagnola (Torino), Scoletta dei Battioro e Tiraoro a Venezia, Palazzo Mediceo a San Leo (Pescara), Casa dei Carraresi a Treviso, Galerie Schroeder Schlossermauer ad Augsburg (Germania), Galeria Del Este a Valencia (Spagna), Galleria Traghetto di Venezia, Forum Artis Museum a Montese (Modena), Galleria Vincent a Kastev (Croazia), Palazzo della Pretura a Castell’Arquato (Piacenza), Fondazione Villa Benzi Zecchini a Caerano San Marco (Treviso), Galleria d’Arte Moderna del Comune di Belluno, Galleria d’Arte contemporanea di San Donà di Piave (Venezia), ecc.
Numerosi scrittori e critici si sono interessati al suo lavoro, tra cui Antonella Alban, Franco Batacchi, Angelo Bertani, Luigina Bortolatto, Toti Carpentieri, Stefania Carrozzini, Grazia Chiesa, Giovanni Cordero, Francesco Crosato, Enzo Di Grazia, Enzo Di Martino, Marino Fieramonti, Luigi Lambertini, Carlo Levi, Vittoria Magno, Luigi Meneghelli, Carlo Milic, Luciano Perissinotto, Ugo Perniola, Paolo Rizzi, Enzo Santese, Giuliano Serafini, Ottorino Stefani, Maria Luisa Trevisan, Tommaso Trini. È stato inserito sia in Guida all’arte moderna e contemporanea di Franco Batacchi (De Vecchi, Milano, 1991), che in Arte Triveneta di Ottorino Stefani (Edizioni D’Arte Ghelfi, Verona, 2006).