Critico d'arte – Curatore esterno museo MACA – Acri (Cs)

Esperienze – Nadia Nicoletti

2008 – 2011 – Curatrice di collezioni  private. Collaborazione con il Museo Nazionale del Risorgimento di Torino.

2006 – 2007 – Docenza a Gressoney – La Trinité su Architettura spontanea nella Valle di Gressoney sul restauro delle pitture murali per conto della società Rest-Consul.

Cantiere di restauro conservativo presso la Fiat Group (Lingotto, Torino) per conto della ditta Pandora di San Francesco al Campo.

2006 - Docenza a Gressoney – La Trinité su Tecniche di restauro architettoniche per conto della società Rest-Consul

Comune di Gressoney – La Trinité, restauro conservativo dei soffitti, lunette e una parete della Cappella dei morti a Gressoney – La Trinité, seguita da relazione tecnica e storica.

2005 - Portato a termine la stesura di un mio racconto sull’arte gotica, sulla costruzioni delle cattedrali. Questo racconto è in fase di editing e sta per essere pubblicato. Pubblicata una “lettera postuma a Virginia Wolf” sulla rivista Società Italiane delle Letterate.

Ricerca iconografica su icona Copta datata tra il XVII e il XVIII secolo.

In collaborazione ad una equipe di restauratori e tecnici analisti, abbiamo eseguito le indagini spettografiche e il restauro di un dipinto del Bernardo Strozzi, XVII secolo, Genova. Questo dipinto, da me identificato, è stato visionato anche dalla storica d’arte Mary Newcom.

2004 - Effettuato studi su un dipinto fiammingo identificato come opera di Anton Van Dick XVII secolo, Dresda, riconosciuto e certificato in un secondo tempo dallo storico d’arte Larsen e in procinto di essere catalogato.

Curato le collezioni private di dipinti del XVII e XVIII secolo, a cui è sempre seguita una ricerca storica e l’eventuale valutazione di mercato.

Alcuni autori: XVI secolo, Bruegel Pieter III, Farinati Giambattista (allievo del Tiziano). XXII secolo, Baschenis, Jacob van der Croos. XVIII secolo, Cignaroli, Balestra, Levoli, Spadino. XIX secolo, Potter, Daubigny, XX secolo, Casorati, Tavernier, Serralunga. Icone russe del XVII e XVIII secolo.

2002 – 2003 - Partecipato alla Gara d’Appalto indetto dalla Soprintendenza beni Architettonici del Piemonte, per la schedatura e verifica dello stato di conservazione del materiale lapideo della Sacra Sindone di Torino, dopo l’incendio subito, in cui l’altare in tre tipi di pietra è esploso.

Curatrice del proprio laboratorio “D’Oro Restauri” di Torino, ho amministrato il lavoro, organizzato cantieri, avuto rapporti con il pubblico e il privato, partecipato a gare d’appalto della Soprintendenza del Piemonte coinvolgendo altri professionisti.

2002 – 2000 - Su commissione della Soc. Biba di Torino, eseguiti prototipi in scala reale di una suite di albergo in costruzione in Malaysia. La suite è parte di un grande complesso alberghiero suddiviso in zone con soggetti tematici (foresta, fondali marini, deserto,etc.).

Il prototipo eseguito da noi, su disegni di Rambaldi (creatore di E.T. e Alien), erano i fondali marini. Eseguiti con tecnica all’areografo su pannelli di polistirolo trattato e scolpito in alto rilievo.

Con lo stesso procedimento, ma con soggetti diversi (regno Incas, foresta tropicale,spazio) eseguiti  pannelli che avrebbero rivestito pareti, soffitti e pavimenti di una villa sita in Arabia Saudita.

Restauro di un crocefisso ligneo spagnolo del XVII secolo, esposto nella Curia del “Istituto Mater Boni Consilii a Verrua Savoia. Nella stessa sede, effettuati restauri di statue lignee policrome del XVIII secolo. Eseguita una pala raffigurante l’Immacolata Concezione, ex nova, che occupa l’altare.

1997 – 1998 –Collaborato con l’architetto Lorenzo di Lotti, direttore dei lavori e progettista del restauro

di un maniero del XVIII secolo. Trattamento dei serramenti e delle porte con laccatura in gesso e

colla e finitura a cera; dei soffitti con scene mitologiche e allegoriche; le dorature delle cornici in

stucco che racchiudono i dipinti murali.

1998 - A Santena, Torino, nel ristorante Roma, restauro di dipinti murali su intonaci calce e grassello sottoposti alla piena del torrente Banna. Interventi di deumificazione dei muri, trattamenti antibiotici e rifacimento dei supporti con intonaci speciali, restauro della boiserie in legno, sanificazione dei muri, pulizia dei dipinti ed integrazione pittorica.

Restauro di un soffitto, Torino, con fessurazioni passanti sull’intonaco della volta dovuti ad assestamento geologico.

1996 - Commissionato dalla Sos. Arkaia di Torino e dalla Soprintendenza dei Beni Archeologici della Valle d’Aosta presso la chiesa di Sant’Orso di Aosta, pulizia, consolidamento, restauro delle colonne dipinte ad encausto della Navata sinistra.

Docenza presso la Soc.Arkaia di Torino (centro di ricerche archeologiche e scavi), corsi sui Primi interventi di consolidamento da eseguirsi sui reperti archeologici.

Docenza presso la Scuola professionale di Castellamonte (TO), materia d’insegnamento restauro della carta.

1984 – 1995 - Iscrizione alla Camera di Commercio di Torino. Conservazione e restauro dei dipinti: Fissaggio pulitura, reintegrazione dello strato pittorico, rintelo in pasta colla, misto, sintetico. Applicazione pratiche su dipinti dal XVII sec. di scuola europea. Conservazione e restauro di statue lignee policrome, trattamenti antitarlo, pulizia, e integrazione pittorica in tecniche adeguate. Reintegrazioni di dorature in zecchino. Conservazione e restauro di sculture in marmo, pulitura, reintegrazione delle parti mancanti , lucidatura. Applicazione pratiche su sculture del XVIII e XIX sec.

1983 - Nella Mansio Romana di Costa Balenae presso Riva Ligure- Imperia per conto della Soprintendenza dei Beni Archeologici della Liguria, responsabili Soprintendente dott. Bertino, Ispettore dei lavori dott. Martino, restauro del Fonte Battesimale IV secolo d.c., sarcofagi in pietra renaria con acroteri, fornace, pavimento in coccio pesto.

Questo sito fu scoperto dall’archeologo Lamboglia durante la II guerra mondiale e da lui stesso ricoperto per evitare danneggiamenti.