Critico d'arte – Curatore esterno museo MACA – Acri (Cs)

Giuseppe BIGUZZI

Giuseppe Biguzzi nasce a Ravenna il 30 settembre 1968; fin da adolescente ha dimostrato estremo interesse per l’uso dei materiali duttili quali plastilina e altro, per approdare, infine, alla creta con la quale ha realizzato una serie di opere scultoree di terracotta di pregevole fattura, come sottolineato dal Maestro Antonino De Bono che ebbe modo di apprezzarne l’opera e rilasciarne una valutazione.

Gli studi effettuati presso l’Istituto Statale D’Arte di Venezia conseguiti nell’anno 1988 gli conferiscono il diploma di Maestro d’Arte e Maturità d’Arte Applicata nella sezione ceramica.

Affiancata alla produzione di sculture, vi è anche una notevole e prolungata creazione di soggetti a china. Giuseppe, sempre alla ricerca di nuove forme espressive, esegue acquerelli e tecniche miste senza, tuttavia, dimostrare di aver raggiunto un traguardo espressivo definito.

Questo inseguire nuove forme e nuovi materiali lo porta a contatto con il vetro. L’impatto è notevole e per oltre un lustro si dedica alla compenetrazione e all’amalgama delle tematiche che gli provengono dalla nuova ispirazione.

Lo spirito eclettico di Biguzzi tocca l’arte nei suoi molteplici aspetti, dalla musica al graffiti writing.

Dopo un periodo di riflessione e di attenta disamina, sia delle capacità, sia delle ambizioni, approda al figurativo olio su tela dove, prevalentemente, predilige i temi che gli provengono dalla natura e dal sentire quotidiano.

Le forme del corpo umano esercitano su di lui notevole influenza: ed ecco apparire figure che, a volte, risultano inquietanti.